Passa ai contenuti principali

Il palcoscenico delle emozioni

Edito dalle Edizioni del Faro, Waiting di Sergio Cotti narra, in forma teatrale, l’incontro tra un uomo che aspetta la donna che ama e una donna che, prima (forse un po’ astiosamente) lo interroga sulla sua attesa e, poi, anni dopo, lo accoglie tra le sfere delle amicizie vere, perché ne ha colto la natura autentica.
Una trama che, superficialmente, può apparire esile, ma che è in grado di mostrare al lettore/spettatore i Sentimenti, quelli con la S maiuscola.
Sentimenti potenti. Coinvolgenti. Che non lasciano indifferenti.
Sentimenti che non appartengono solo all’uomo e alla donna che si incontrano, che si (ri)trovano, su una panchina di un pubblico giardinetto. Ma a molti uomini e donne.
Sentimenti come l’Amore, ma soprattutto l’Amicizia.
E Cotti riesce a mostrare, in modo convincente, come la panchina sulla quale i due personaggi si incontrano non sia un succedaneo del letto, ma resta a pieno titolo panchina. Ovvero, resta il “luogo neutro” nel quale un’Amicizia, un’Amicizia autentica, può sbocciare e vivere alla luce del sole. Senza che le ombre lunghe del sospetto possano inquinarla.
E ciò avviene perché le due persone che si incontrano e, in qualche modo, si sono aspettate, sono due persone adulte. Bene educate. Ossia, educate a credere in certi valori. 
Valori che includono la Solidarietà, la Vicinanza, l’Affetto. In una parola: l’Amicizia; sentimento per il quale vale davvero la pena aspettare.
_______

Il 10 febbraio 2014 alle 20.45 Sergio Cotti incontra i lettori a Bergamo, presso la Sala Galmozzi, in via Tasso 4 (leggi).

Commenti

Post più letti durante la settimana

AMLETO ha un nuovo indirizzo

AMLETO ha un nuovo indirizzo: amleto.info Il cambio di url si è reso necessario per motivi indipendenti dalla volontà di chi vi scrive.
Sicuramente tale cambio creerà disguidi di cui, pur non avendo colpa, me ne scuso.
Nessuno degli articoli finora pubblicati, però, è stato cancellato: basta cercarlo con il motore di ricerca interno al blog per vederlo, in pochi secondi, apparire nei risultati.
Segnatevi il nuovo url, allora!

Precipitare nella brutalità

Il Signore delle Mosche di William Golding è un vero capolavoro che, di pagina in pagina, si trasforma in una serie di pugni metaforici ben assestati nello stomaco del lettore.
Un romanzo che si legge con il fiato sospeso e che, per il realismo con il quale è scritto, potrebbe quasi sembrare un documentario che dimostra una delle tesi dello scrittore britannico, Premio Nobel per la Letteratura 1983: «L’uomo produce il male come l’ape produce il miele».
La trama è presto detta: un aereo, con a bordo un gruppo di ragazzini inglesi, precipita su un’isola disabitata in pieno oceano Pacifico.Alcuni passeggeri si salvano.Tra loro ci sono teenager e bambini.Nel gruppo, per un motivo o per l’altro, spiccano: i due leader Ralph e Jack; il riflessivo Piggy; i gemelli Sam ed Eric; lo strambo Simon e pochi altri.
All’inizio il gruppo sembra compatto e accetta di seguire le regole, prese collegialmente, che dovrebbero favorirne il salvataggio.A guidare l’assemblea e i lavori quotidiani viene eletto R…