Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2007

Una gelida manina da applauso

Successo ieri sera al Teatro Donizetti per La Bohème di Giacomo Puccini diretta dal Maestro Marzio Conti , per la regia di Aldo Taraballa . La “gelida manina” segno della malattia della protagonista, ancora una volta, ha commosso il pubblico in sala: potere delle storie d’amore travolgenti, brevi e dal finale tragico… E, davvero, a pensarci, fanno ancora tenerezza i quattro ragazzini bohémien alle prese con l’Amore e la Morte. Al tempo di Puccini, ovviamente, i quattro non erano considerati ragazzini , ma uomini fatti… ma oggi, con il prolungarsi all’infinito della giovinezza, i quattro ci appaiono, appunto, come ragazzini e inteneriscono con la loro fede nei sogni di grandezza, con la loro vita alla giornata, con la loro adesione agli ideali dell’amor cortese e per l’irrompere nella loro vita della morte. Forse, l’ambientazione Secondo Novecento voluta dal regista (con tanto di fornellino a gas, giradischi e vestitini a fiori) è funzionale al far sì che gli spettatori po

Le cicatrici che fortificano

Immagine
L’ordine della Quercia Velenosa di Brent Hartinger (edito da Playground) è un libro che si legge piacevolmente in una sera. Racconta l’estate di un sedicenne gay (Russel) alle prese con i primi amori e con un gruppo di piccole pesti che campeggiano nel villaggio dove lui sta facendo l’animatore. Va detto che Russel nel campeggio non è solo: con lui ci sono i suoi migliori amici, ovvero Gunnar (etero) e Min (ragazza bisessuale). Un trio affiatato che però, durante quell’estate, va incontro a più di un litigio: questioni di cuore che rischiano di incrinare i rapporti. Il romanzo porta avanti due intrecci paralleli con al centro il protagonista: quello amoroso e quello “didattico”. Per quanto riguarda il primo, va detto che Russel tenta in tutti i modi di avere una storia con il bellissimo Web (eterosessuale che realizza di essere bisex) e, dopo esserci riuscito, scopre l’amore in Otto. Per quanto riguarda il secondo, Russel è alle prese con dei bambini di dieci anni u

La negazione del Teatro in Molly Sweeney

Immagine
La Molly Sweeney di Brian Friel per la regia di Andrea De Rosa presentata ieri al Teatro Donizetti di Bergamo lascia più di una perplessità. Nei primi 30 minuti di spettacolo il pubblico è stato invitato a indossare una mascherina che impedisse la visione di ciò che si stava svolgendo in platea: l’intento spiegato agli spettatori da Umberto Orsini prima dell’inizio, era quello di coinvolgere il pubblico in modo più diretto. Infatti il testo di Friel racconta l’esperienza di una donna non vedente che, spinta dall’energia del marito, si sottopone a due operazioni agli occhi che le fanno parzialmente recuperare la vista. L’intento della regia, dunque, era, in qualche modo, quello di aumentare il livello di immedesimazione del pubblico rendendolo momentaneamente cieco, per poi restituirgli la vista a un segnale convenuto (ovvero lo scoppio di un temporale). 

Una coppia di fatto nella Lucrezia Borgia di Donizetti

Immagine
Teatro Donizetti esaurito per la prima della Lucrezia Borgia di Felice Romani e Gaetano Donizetti (da Hugo) per la regia (scialba) di Francesco Bellotto e la direzione (contestata da parte del pubblico) di Tiziano Severini . Grande l’interpretazione di Dimitra Theodossiou (nel ruolo del titolo) molto applaudita dagli spettatori al calar del sipario. Lo spettacolo, purtroppo, era monotono, grigio e lento. A tratti addirittura sfiorante il ridicolo a causa di movimenti scenici troppo stilizzati imposti dal regista ai figuranti. Peccato, perché di spunti l’opera ne offre parecchi, primo fra tutti il fatto che in essa compaia una vera e propria coppia di fatto: quella formata da Gennaro (figlio di Lucrezia) e da Maffio Orsini. I due ragazzi si dicono inseparabili e destinati a restare uniti finché morte non li separi. E la Morte li prende entrambi e per mano di Lucrezia Borgia che, per vendicarsi di un affronto subito, uccide per errore anche il figlio (che ama riamata). In