Passa ai contenuti principali

L’antidoto al male di vivere

Ieri sera, all’interno di un esaurito Teatro Sociale di Bergamo, si è svolto un incontro di pugilato sui generis: sul ring, infatti, non si sono sfidati due atleti, bensì due narratori/poeti, ovvero Vinicio Capossela e Vincenzo Costantino Chinaski.
I due performer sono uniti da antica e solida amicizia e si sono sfidati a colpi di lettura di brani sia propri, sia dell’amico/avversario segnando i punti in base al gradimento del pubblico. I pezzi scelti per la lettura sono stati tratti da In clandestinità, libro da loro scritto a quattro mani.
Una cornice, quella della sfida scherzosa sul ring, probabilmente pensata per alleggerire il filo conduttore che ha unito i vari pezzi scelti per il reading: il male di vivere. Capossela e Chinascki, infatti, hanno messo in scena la loro difficoltà a vivere la vita, il loro personale disagio esistenziale tenuto a bada per mezzo di un antidoto che, nel corso degli anni, si è rivelato assai efficace: la loro amicizia. E, in definitiva, ciò che è stata rappresentata sul palco/ring del Teatro Sociale è proprio l’Amicizia, quella vera.
Una performance, quella di Capossela e Chinaski, non del tutto convincente: forse, paradossalmente, senza la cornice della sfida sul ring, i loro ricordi avrebbero assunto una consistenza più struggente e poetica in grado di imprimere nella memoria degli spettatori ben più di qualche battuta.
Al termine dell’incontro, i due amici sono stati salutati assai calorosamente dal pubblico.

Commenti

Post più letti durante la settimana

AMLETO ha un nuovo indirizzo

AMLETO ha un nuovo indirizzo: amleto.info Il cambio di url si è reso necessario per motivi indipendenti dalla volontà di chi vi scrive.
Sicuramente tale cambio creerà disguidi di cui, pur non avendo colpa, me ne scuso.
Nessuno degli articoli finora pubblicati, però, è stato cancellato: basta cercarlo con il motore di ricerca interno al blog per vederlo, in pochi secondi, apparire nei risultati.
Segnatevi il nuovo url, allora!

Precipitare nella brutalità

Il Signore delle Mosche di William Golding è un vero capolavoro che, di pagina in pagina, si trasforma in una serie di pugni metaforici ben assestati nello stomaco del lettore.
Un romanzo che si legge con il fiato sospeso e che, per il realismo con il quale è scritto, potrebbe quasi sembrare un documentario che dimostra una delle tesi dello scrittore britannico, Premio Nobel per la Letteratura 1983: «L’uomo produce il male come l’ape produce il miele».
La trama è presto detta: un aereo, con a bordo un gruppo di ragazzini inglesi, precipita su un’isola disabitata in pieno oceano Pacifico.Alcuni passeggeri si salvano.Tra loro ci sono teenager e bambini.Nel gruppo, per un motivo o per l’altro, spiccano: i due leader Ralph e Jack; il riflessivo Piggy; i gemelli Sam ed Eric; lo strambo Simon e pochi altri.
All’inizio il gruppo sembra compatto e accetta di seguire le regole, prese collegialmente, che dovrebbero favorirne il salvataggio.A guidare l’assemblea e i lavori quotidiani viene eletto R…