Passa ai contenuti principali

Fotografare il movimento


Per la prima volta in Italia è possibile, fino al primo ottobre 2016, visitare una retrospettiva dedicata al grande Eadweard Muybridge (1830 - 1904), maestro della cronofotografia e inventore dello zoopraxiscopio, strumento considerato il precursore del cinema.

Muybridge Recall, allestita presso la Galleria Gruppo Credito Valtellinese in Corso Magenta 57 a Milano, mostra al pubblico sequenze fotografiche appartenti ai filoni Men in Motion (1887) e Animal Locomotion (1889), nei quali il fotografo fissa su lastra il movimento di uomini e donne e di vari animali.
Sono scatti di piccole dimensioni (presentati in mostra retroilluminati) che restituiscono all’occhio umano, con precisione documentaristica, un’intera azione, suddividendone il movimento in diversi segmenti. 
Immagini di grande suggestione che ebbero vasta risonanza e che influenzarono vari artisti e studiosi di diverse discipline.

Sono molte le sequenze da ammirare nella mostra milanese. Alcune assai celebri, altre meno. 
Sicuramente assai belle sono le sequenze che restituiscono il movimento dei corpi di uomini e donne nudi, ma si rivelano di grande interesse anche le sequenze che fissano i movimenti di persone menomate e deformi.
Di grande eleganza le cronofotografie dei movimenti di cavalli e felini e quasi poetiche quelle che fissano su lastra il volo degli uccelli.
Strepitose, infine, quelle che catturano un uomo mentre lancia in aria l’acqua contenuta in un secchio.


Muybridge Recall è visitabile dal martedì al sabato dalle 13.30 alle 19.15 con ingresso libero.

Commenti

Post più letti durante la settimana

AMLETO ha un nuovo indirizzo

AMLETO ha un nuovo indirizzo: amleto.info Il cambio di url si è reso necessario per motivi indipendenti dalla volontà di chi vi scrive.
Sicuramente tale cambio creerà disguidi di cui, pur non avendo colpa, me ne scuso.
Nessuno degli articoli finora pubblicati, però, è stato cancellato: basta cercarlo con il motore di ricerca interno al blog per vederlo, in pochi secondi, apparire nei risultati.
Segnatevi il nuovo url, allora!

Precipitare nella brutalità

Il Signore delle Mosche di William Golding è un vero capolavoro che, di pagina in pagina, si trasforma in una serie di pugni metaforici ben assestati nello stomaco del lettore.
Un romanzo che si legge con il fiato sospeso e che, per il realismo con il quale è scritto, potrebbe quasi sembrare un documentario che dimostra una delle tesi dello scrittore britannico, Premio Nobel per la Letteratura 1983: «L’uomo produce il male come l’ape produce il miele».
La trama è presto detta: un aereo, con a bordo un gruppo di ragazzini inglesi, precipita su un’isola disabitata in pieno oceano Pacifico.Alcuni passeggeri si salvano.Tra loro ci sono teenager e bambini.Nel gruppo, per un motivo o per l’altro, spiccano: i due leader Ralph e Jack; il riflessivo Piggy; i gemelli Sam ed Eric; lo strambo Simon e pochi altri.
All’inizio il gruppo sembra compatto e accetta di seguire le regole, prese collegialmente, che dovrebbero favorirne il salvataggio.A guidare l’assemblea e i lavori quotidiani viene eletto R…