Passa ai contenuti principali

Quella gran bugiarda di Paolo Poli

È un libro delizioso Siamo tutte delle gran bugiarde, conversazione tra Paolo Poli e Giovanni Pannacci, edito da Giulio Perrone Editore. Un libro che si legge in un soffio e con il sorriso sulle labbra.

Definire il volume la biografia del grande attore Paolo Poli è assolutamente improprio e fuorviante: della biografia artistica (e personale) di Poli c'è poco. 

Eppure nel libro c'è tutto Paolo Poli: la sua straripante personalità, i suoi incantevoli virtuosismi da civetta, da ballerina di fila (sua celebre auto-definizione), il suo aggraziato sbeffeggiamento dell'ordine costituito, la sua sapiente provocazione al perbenismo imperante, il suo celebre anticlericalismo (“Trovo pessimo che il Papa ogni giorno ci faccia conoscere il suo pensiero”).

C'è tutto Paolo Poli e, a ben vedere, non potrebbe essere altrimenti: così come sulla scena i suoi spettacoli sono un tripudio di fantasia tutta riconducibile al suo genio e alla sua vasta cultura, così il libro non poteva non essere Poli-centrico.

Un uomo, Paolo Poli, ormai ottantenne ma che nello spirito e nei modi è ancora un ragazzino cui piace divertirsi (“Rimpianti non ne ho e neanche rimorsi. Io mi son divertito”).

Una lettura che si consiglia non solo a coloro che amano il teatro e, nello specifico, quello “leggero” (e intelligente), ma proprio a chiunque (abbia o non abbia mai visto uno spettacolo di Paolo Poli).

Commenti

Post più letti durante la settimana

AMLETO ha un nuovo indirizzo

AMLETO ha un nuovo indirizzo: amleto.info Il cambio di url si è reso necessario per motivi indipendenti dalla volontà di chi vi scrive.
Sicuramente tale cambio creerà disguidi di cui, pur non avendo colpa, me ne scuso.
Nessuno degli articoli finora pubblicati, però, è stato cancellato: basta cercarlo con il motore di ricerca interno al blog per vederlo, in pochi secondi, apparire nei risultati.
Segnatevi il nuovo url, allora!

Precipitare nella brutalità

Il Signore delle Mosche di William Golding è un vero capolavoro che, di pagina in pagina, si trasforma in una serie di pugni metaforici ben assestati nello stomaco del lettore.
Un romanzo che si legge con il fiato sospeso e che, per il realismo con il quale è scritto, potrebbe quasi sembrare un documentario che dimostra una delle tesi dello scrittore britannico, Premio Nobel per la Letteratura 1983: «L’uomo produce il male come l’ape produce il miele».
La trama è presto detta: un aereo, con a bordo un gruppo di ragazzini inglesi, precipita su un’isola disabitata in pieno oceano Pacifico.Alcuni passeggeri si salvano.Tra loro ci sono teenager e bambini.Nel gruppo, per un motivo o per l’altro, spiccano: i due leader Ralph e Jack; il riflessivo Piggy; i gemelli Sam ed Eric; lo strambo Simon e pochi altri.
All’inizio il gruppo sembra compatto e accetta di seguire le regole, prese collegialmente, che dovrebbero favorirne il salvataggio.A guidare l’assemblea e i lavori quotidiani viene eletto R…