Passa ai contenuti principali

Si je t'ame, prends garde à toi!

«Si je t'ame, prends garde à toi!» («Se ti amo, stai in guardia») avverte Carmen nel Primo Atto dell'opera omonima di Georges Bizet e il regista Ferdinando Bruni sembra averne tenuto conto seriamente: il clima dello spettacolo è teso e sensuale fin dall'apertura di sipario. Un clima che rimanda in qualche modo a Un tram che si chiama Desiderio di Tennessee Williams. Un rimando favorito dai costumi (prima metà del Novecento), dalle scene e dal taglio delle luci. Un ambiente poco spagnoleggiante che aiuta lo spettatore a sentire la vicenda al centro della Carmen più vicina a sé, più pericolosamente prossima. 
La storia di una donna bella, sensuale e capricciosa che ammalia di sé gli uomini e ne porta uno (il classico bravo ragazzo) alla rovina. La Carmen per la regia di Bruni diventa, in qualche modo, universale (oltre che attuale) e non resta confinata tra gli angusti ambiti di una guarnigione di soldati e di un gruppo di contrabbandieri gitani e delle loro donne. In altre parole, la regia di Bruni trasforma la Carmen in una sorta di archetipo.
Si è detto della sensualità. Il palcoscenico della Carmen di Bruni ne trasuda. Uomini in canottiera; donne provocanti che non disdegnano mostrare le cosce o la generosa scollatura. Fisicità esibita, grazie alla prestanza degli interpreti. Cantanti, coro e danzatori mostrano la loro giovanile voglia di vivere; il loro desiderio del corpo altrui.
Uno spettacolo bello e coinvolgente non solo per l'ottima regia di Bruni (che ha, tra l'altro, ha saputo far muovere il coro in modo congruo, dando la sensazione allo spettatore che ogni corista fosse un personaggio degno di nota e non fosse “solo un corista”, come, purtroppo, troppo spesso si avverte negli spettacoli d'opera).
Davvero degna di nota l'esibizione canora di tutto il cast. Ottime le prove di Claudio Sgura nel ruolo del torero Escamillo e di Davinia Rodriguez (in quello di Micaela). Molto buone le esibizioni dei due protagonisti (belli, oltre che bravi): José Balestrini (Don José) e Nora Odette Sourouzian (Carmen).
Trascinante la direzione del Maestro Riccardo Frizza.
Spettacolo da vedere.

Commenti

Post più letti durante la settimana

AMLETO ha un nuovo indirizzo

AMLETO ha un nuovo indirizzo: amleto.info Il cambio di url si è reso necessario per motivi indipendenti dalla volontà di chi vi scrive.
Sicuramente tale cambio creerà disguidi di cui, pur non avendo colpa, me ne scuso.
Nessuno degli articoli finora pubblicati, però, è stato cancellato: basta cercarlo con il motore di ricerca interno al blog per vederlo, in pochi secondi, apparire nei risultati.
Segnatevi il nuovo url, allora!

Precipitare nella brutalità

Il Signore delle Mosche di William Golding è un vero capolavoro che, di pagina in pagina, si trasforma in una serie di pugni metaforici ben assestati nello stomaco del lettore.
Un romanzo che si legge con il fiato sospeso e che, per il realismo con il quale è scritto, potrebbe quasi sembrare un documentario che dimostra una delle tesi dello scrittore britannico, Premio Nobel per la Letteratura 1983: «L’uomo produce il male come l’ape produce il miele».
La trama è presto detta: un aereo, con a bordo un gruppo di ragazzini inglesi, precipita su un’isola disabitata in pieno oceano Pacifico.Alcuni passeggeri si salvano.Tra loro ci sono teenager e bambini.Nel gruppo, per un motivo o per l’altro, spiccano: i due leader Ralph e Jack; il riflessivo Piggy; i gemelli Sam ed Eric; lo strambo Simon e pochi altri.
All’inizio il gruppo sembra compatto e accetta di seguire le regole, prese collegialmente, che dovrebbero favorirne il salvataggio.A guidare l’assemblea e i lavori quotidiani viene eletto R…