Passa ai contenuti principali

Strepitosa Declaraciòn

Giovedì scorso, in prima nazionale, nell’ambito del Festival Danza Estate, è stato presentato a Bergamo il nuovo lavoro della Compagnia Naturalis Labor: Declaraciòn per le coreografie di Luciano Padovani, Margarita Klurfan e Walter Cardozo e l’interpretazione dei medesimi affiancati anche da Martina Cortelazzo e Silvia Gribaudi
Va subito detto che si tratta di uno spettacolo intenso, coinvolgente, sensuale e, soprattutto, vero. Vero perché mostra la gamma variegata dei sentimenti d’amore che, di per sé, sono impudichi (quando intensi) e li mostra in modo impudico (seppur, ovviamente, con tutta l’arte di cui questi danzatori sono capaci).  
La storia è semplice: in una sala da ballo (fatta di sedie, radio, tavolini) si incontrano due uomini e tre donne. L’incontro scatena la sensualità e apre la strada al sentimento d’amore. I corpi si incontrano, si scontrano, si intrecciano con movimenti di tango argentino e di danza moderna. Sono corpi che chiedono di appartenere all’altro, perché solo dall’unione con l’altro può venire la felicità. 
Ma i danzatori sono in numero dispari e la coppia non può mai conchiudersi in se stessa: c’è sempre un terzo che tenta di scalzare il concorrente in amore. Ecco, allora, che la declaraciòn dei propri sentimenti, dei propri trasporti, può farsi insistente, impudica. Ecco, allora, che si può scalzare il concorrente o esserne scalzati: da qui la gioia o la disperazione… 
Uno spettacolo che scavalca i limiti e confini (per quanto assai vasti) della danza e si fa teatro, vita. Il tutto per merito della strepitosa preparazione tecnica dei danzatori, per la loro passione scenica.
Ovazione meritata al termine. 
Spettacolo da non perdere.

Commenti

Post più letti durante la settimana

AMLETO ha un nuovo indirizzo

AMLETO ha un nuovo indirizzo: amleto.info Il cambio di url si è reso necessario per motivi indipendenti dalla volontà di chi vi scrive.
Sicuramente tale cambio creerà disguidi di cui, pur non avendo colpa, me ne scuso.
Nessuno degli articoli finora pubblicati, però, è stato cancellato: basta cercarlo con il motore di ricerca interno al blog per vederlo, in pochi secondi, apparire nei risultati.
Segnatevi il nuovo url, allora!

Precipitare nella brutalità

Il Signore delle Mosche di William Golding è un vero capolavoro che, di pagina in pagina, si trasforma in una serie di pugni metaforici ben assestati nello stomaco del lettore.
Un romanzo che si legge con il fiato sospeso e che, per il realismo con il quale è scritto, potrebbe quasi sembrare un documentario che dimostra una delle tesi dello scrittore britannico, Premio Nobel per la Letteratura 1983: «L’uomo produce il male come l’ape produce il miele».
La trama è presto detta: un aereo, con a bordo un gruppo di ragazzini inglesi, precipita su un’isola disabitata in pieno oceano Pacifico.Alcuni passeggeri si salvano.Tra loro ci sono teenager e bambini.Nel gruppo, per un motivo o per l’altro, spiccano: i due leader Ralph e Jack; il riflessivo Piggy; i gemelli Sam ed Eric; lo strambo Simon e pochi altri.
All’inizio il gruppo sembra compatto e accetta di seguire le regole, prese collegialmente, che dovrebbero favorirne il salvataggio.A guidare l’assemblea e i lavori quotidiani viene eletto R…