Passa ai contenuti principali

Un film bello ma irrisolto

L’'ora di religione di e regia di Marco Bellocchio. Con: Sergio Castellitto, Alberto Mondini, Piera degli Esposti, Chiara Conti. Italia, 2002.
Il film di Bellocchio racconta alcune ore della vita di Ernesto (interpretato in modo egregio da Castellitto), un ateo cui viene data la notizia che sua madre sta per essere beatificata. All’'incredulità, succede lo stupore e a questo il tentativo di capire le ragioni che hanno spinto lo gerarchie ecclesiastiche a intraprendere un processo di beatificazione di una donna da lui sempre considerata distaccata e indifferente, per non dire incapace di amore nei confronti dei propri figli (uno dei quali sarà spinto dalla follia a ucciderla). 
Ernesto non è immune dal dubbio (fatto che lo umanizza non poco) e nella sua ricerca della verità, cozza contro la famiglia che si è coalizzata nel tentativo di arrivare a una soluzione favorevole del processo di beatificazione della donna: avere una parente santa è sicuramente di grande utilità (è il famoso “santo in paradiso” di proverbiale memoria).
Il film di Bellocchio, per la storia che racconta, suona come una denuncia contro certi affaristi che vivono nelle fila delle più alte gerarchie ecclesiastiche e nei loro entourage. Per questa ragione e per il modo con cui è affrontata la vicenda (intenso, lucido, spietato) L'’ora di religione è sicuramente un bel film che va consigliato. 
Assolutamente da vedere è, inoltre, a causa della già citata prova di attore di Castellitto e per la strepitosa (non la si può definire altrimenti) interpretazione di Piera degli Esposti, impegnata in un “cammeo” nel quale veste i panni della zia/affarista di Ernesto. Bravi anche il piccolo Alberto Mondini (l’'inquieto figlio di Ernesto) e la bella Chiara Conti, impegnata nel ruolo di un personaggio misterioso.
Proprio il personaggio interpretato dalla Conti rende in qualche modo il film di Bellocchio irrisolto: chi è e che funzione ha il personaggio della Conti? Da chi è stata mandata e cosa vuole da Ernesto? Domande, queste, alle quali, inspiegabilmente, Bellocchio non dà risposta, lasciando il film in un clima di sospensione che non giova allo spettatore.

Commenti

Post più letti durante la settimana

AMLETO ha un nuovo indirizzo

AMLETO ha un nuovo indirizzo: amleto.info Il cambio di url si è reso necessario per motivi indipendenti dalla volontà di chi vi scrive.
Sicuramente tale cambio creerà disguidi di cui, pur non avendo colpa, me ne scuso.
Nessuno degli articoli finora pubblicati, però, è stato cancellato: basta cercarlo con il motore di ricerca interno al blog per vederlo, in pochi secondi, apparire nei risultati.
Segnatevi il nuovo url, allora!

Precipitare nella brutalità

Il Signore delle Mosche di William Golding è un vero capolavoro che, di pagina in pagina, si trasforma in una serie di pugni metaforici ben assestati nello stomaco del lettore.
Un romanzo che si legge con il fiato sospeso e che, per il realismo con il quale è scritto, potrebbe quasi sembrare un documentario che dimostra una delle tesi dello scrittore britannico, Premio Nobel per la Letteratura 1983: «L’uomo produce il male come l’ape produce il miele».
La trama è presto detta: un aereo, con a bordo un gruppo di ragazzini inglesi, precipita su un’isola disabitata in pieno oceano Pacifico.Alcuni passeggeri si salvano.Tra loro ci sono teenager e bambini.Nel gruppo, per un motivo o per l’altro, spiccano: i due leader Ralph e Jack; il riflessivo Piggy; i gemelli Sam ed Eric; lo strambo Simon e pochi altri.
All’inizio il gruppo sembra compatto e accetta di seguire le regole, prese collegialmente, che dovrebbero favorirne il salvataggio.A guidare l’assemblea e i lavori quotidiani viene eletto R…