Passa ai contenuti principali

Finale di partita

Nel giugno del 2003 Max Brembilla e Stefano Mecca presentarono al pubblico dell’Auditorium di Bergamo HammClov, loro versione di Finale di partita di Samuel Beckett. A distanza di due anni, i due attori hanno messo in scena al Teatro Prova di Bergamo Finale di partita di Beckett con un sottotitolo: HammClov
La distinzione non è di poco conto: se nel 2003 i due interpreti tenevano un sorta di distanza (anche solo di tipo reverenziale) dal testo di Beckett, oggi essi vi aderiscono pienamente, pur adattandolo drammaturgicamente alle loro esigenze: spariscono i personaggi di Negg e di Nell e restano in scena solo Hamm e Clov (che danno vita a una sorta di essere bifronte, l’HammClov del sottotitolo, appunto). 
L’adattamento drammaturgico e la traduzione dalla versione inglese del testo è di Stefano Mecca e la regia di entrambi gli attori. Il risultato è assai buono e presenta in scena una coppia di uomini alla resa dei conti, alla fine della loro partita e della partita dell’intero genere umano; due uomini che alternativamente assumono il ruolo di schiavo e padrone, di carnefice e vittima l’uno dell’altro. Certo, superficialmente, potrebbe sembrare che nel ruolo del padrone-carnefice ci sia sempre e solo Hamm; ma, in realtà, anche Clov è – seppur in maniera meno plateale – padrone-carnefice di Hamm. Entrambi hanno bisogno, per esistere, dell’altro, perché entrambi sono un anello della stessa catena, sono una faccia dello stesso essere (HammClov). 
L’interpretazione attorale di Mecca e Brembilla è assai convincente: Mecca è un Clov più pieno rispetto alla versione del 2003, un Clov meno ragazzino e più uomo che sa di essere legato ad Hamm non solo per necessità contingenti, ma per un senso di compassione che si fa affetto. Brembilla è un Hamm meno “attore in parte” (uno dei volti dell’Hamm di Beckett) e più uomo al tramonto; un Hamm maturo e consapevole in grado di toccare le corde nascoste di Clov (e del pubblico).

Commenti

Post più letti durante la settimana

AMLETO ha un nuovo indirizzo

AMLETO ha un nuovo indirizzo: amleto.info Il cambio di url si è reso necessario per motivi indipendenti dalla volontà di chi vi scrive.
Sicuramente tale cambio creerà disguidi di cui, pur non avendo colpa, me ne scuso.
Nessuno degli articoli finora pubblicati, però, è stato cancellato: basta cercarlo con il motore di ricerca interno al blog per vederlo, in pochi secondi, apparire nei risultati.
Segnatevi il nuovo url, allora!

Precipitare nella brutalità

Il Signore delle Mosche di William Golding è un vero capolavoro che, di pagina in pagina, si trasforma in una serie di pugni metaforici ben assestati nello stomaco del lettore.
Un romanzo che si legge con il fiato sospeso e che, per il realismo con il quale è scritto, potrebbe quasi sembrare un documentario che dimostra una delle tesi dello scrittore britannico, Premio Nobel per la Letteratura 1983: «L’uomo produce il male come l’ape produce il miele».
La trama è presto detta: un aereo, con a bordo un gruppo di ragazzini inglesi, precipita su un’isola disabitata in pieno oceano Pacifico.Alcuni passeggeri si salvano.Tra loro ci sono teenager e bambini.Nel gruppo, per un motivo o per l’altro, spiccano: i due leader Ralph e Jack; il riflessivo Piggy; i gemelli Sam ed Eric; lo strambo Simon e pochi altri.
All’inizio il gruppo sembra compatto e accetta di seguire le regole, prese collegialmente, che dovrebbero favorirne il salvataggio.A guidare l’assemblea e i lavori quotidiani viene eletto R…