Passa ai contenuti principali

Il Pinocchio dei Pooh e della Compagnia della Rancia

Martedì scorso ha preso il via la Stagione di prosa del Teatro Donizetti nella nuova sede del PalaCreberg con il musical che la Compagnia della Rancia di Saverio Marconi e I Pooh hanno tratto dal Pinocchio di Collodi

Va detto che gli autori si sono presi qualche licenza poetica nei confronti del testo originale: ad esempio nella loro versione mastro Geppetto non è più un uomo anziano che vive in solitudine e per questo si costruisce un burattino di legno che gli faccia compagnia, bensì un uomo sui quaranta che ha un avviato laboratorio artigiano affollato di amici; Pinocchio, al termine della storia, non si trasforma in un adolescente, ma in un tenero bimbetto di due o tre anni e Geppetto prende moglie. 

Cambiamenti di non poco momento, dato che, in complesso, danno un altro significato alla favola di Collodi: se il Pinocchio originale parlava, sostanzialmente, dell'incontro tra un anziano senza famiglia e un ragazzino che impara a diventare adulto crescendo, complice l'intervento di una donna-non-reale (la Fata turchina), ora, nel musical, l'incontro avviene tra Geppetto e Angela (la futura moglie e madre adottiva di Pinocchio) e Pinocchio viene relegato al ruolo di bimbetto che unisce la coppia. 
In definitiva, Pinocchio non ha imparato nulla dalle disavventure cui è incorso! 
Il pubblico, però, suggestionato dall'ingresso in scena del bimbetto, applaude intenerito.

Per quanto attiene allo spettacolo va detto che questo musical ricalca in modo pedissequo gli stilemi classici del genere non riuscendo, se non in pochi quadri (tra i quali si ricorda quello del fondale marino), a imporsi come un prodotto suggestivo. 

Le musiche dei Pooh sono orecchiabili come ci si attende dal genere. 
Le coreografie di Fabrizio Angelini, in linea generale, appaiono un po' stanche e, in definitiva, fanno sembrare lo spettacolo più cantato che agito. 
Bravi comunque gli interpreti (tra i quali si nominano Silvia Querci nel ruolo della madre di Lucignolo, Manuel Frattini nel ruolo di Pinocchio, Pierpaolo Lapatriello in quello di Geppetto e Mauro Simone in quello di Lucignolo) ed eccellente la scenografia dichiaratamente teatrale di Antonio Mastromattei.

Lunghi applausi al calar del sipario.

Originariamente in «Il Nuovo Giornale di Bergamo», 11 novembre 2004.

Commenti

Post più letti durante la settimana

AMLETO ha un nuovo indirizzo

AMLETO ha un nuovo indirizzo: amleto.info Il cambio di url si è reso necessario per motivi indipendenti dalla volontà di chi vi scrive.
Sicuramente tale cambio creerà disguidi di cui, pur non avendo colpa, me ne scuso.
Nessuno degli articoli finora pubblicati, però, è stato cancellato: basta cercarlo con il motore di ricerca interno al blog per vederlo, in pochi secondi, apparire nei risultati.
Segnatevi il nuovo url, allora!

Precipitare nella brutalità

Il Signore delle Mosche di William Golding è un vero capolavoro che, di pagina in pagina, si trasforma in una serie di pugni metaforici ben assestati nello stomaco del lettore.
Un romanzo che si legge con il fiato sospeso e che, per il realismo con il quale è scritto, potrebbe quasi sembrare un documentario che dimostra una delle tesi dello scrittore britannico, Premio Nobel per la Letteratura 1983: «L’uomo produce il male come l’ape produce il miele».
La trama è presto detta: un aereo, con a bordo un gruppo di ragazzini inglesi, precipita su un’isola disabitata in pieno oceano Pacifico.Alcuni passeggeri si salvano.Tra loro ci sono teenager e bambini.Nel gruppo, per un motivo o per l’altro, spiccano: i due leader Ralph e Jack; il riflessivo Piggy; i gemelli Sam ed Eric; lo strambo Simon e pochi altri.
All’inizio il gruppo sembra compatto e accetta di seguire le regole, prese collegialmente, che dovrebbero favorirne il salvataggio.A guidare l’assemblea e i lavori quotidiani viene eletto R…