La valle della paura


La valle della paura di Arthur Conan Doyle è un romanzo nettamente diviso in due: nella prima parte Sherlock Holmes deve risolvere un intricato omicidio; nella seconda, invece, vengono raccontati i fatti che, nel passato narrativo, hanno portato, nel presente narrativo, al delitto di cui si è narrato nella prima parte.

Per ovvi motivi, nella seconda parte Sherlock Holmes non c’è.


Ma il romanzo, oltre alla particolarità di essere diviso in due parti, ha anche quella che, nel presente narrativo, Sherlock Holmes fa continui riferimenti a Moriarty, genio del male e suo acerrimo nemico.

A lui, nell’Epilogo, Holmes addebita anche la responsabilità del nuovo omicidio con cui si conclude tutto il racconto.


Un romanzo ben condotto, quello di Conan Doyle, che non perde smalto neppure quando Holmes non è presente sulla scena e che resta una piacevole lettura estiva.


Altro su Conan Doyle 


La valle della paura è disponibile in Amazon



Commenti

Post più visti del mese

Celentano a colori

Recitare l’identità

Il corpo nudo dello scrittore