Passa ai contenuti principali

La grande bellezza


La grande bellezza di Paolo Sorrentino è un film denso come un romanzo e feroce come un pamphlet.
In esso il regista descrive e si fa beffe di un ambiente sociale preciso e ben delineato: quello aristocratico e alto borghese fatto di gente nullafacente che tenta di porre rimedio alla noia tra una cena e una festa, tra un evento artistico e una scopata. 
Gente morta dentro che perde la vita senza neppure rendersene conto.
Persone di dubbio gusto che sporcano, al pari di sozzi scarafaggi, la grande bellezza romana.
E non è un caso, forse, che spesso il regista tenda a riprendere tali individui con panoramiche dall’alto: li appiattisce al suolo e ne evidenzia il loro essere miserabile. 
Come non è un caso il contrasto ripetutamente segnato dalla regia tra le feste brulicanti e sguaiate, frequentate da tali personaggi, e la deserta e maestosa bellezza di Roma.

In mezzo a tali persone si muove, apparentemente a suo agio, il protagonista, impersonato da uno strepitoso Toni Servillo (un colosso della recitazione mondiale). Uno scrittore che, alla soglia della vecchiaia, si accorge che le crepe che si sono aperte dentro di lui mentre perdeva il tempo a vivere la mondanità si sono fatte profonde e lo chiamano a una valutazione impietosa della sua vita. Crepe che vorrebbero essere riempite di valori, di bellezza, di senso, di spiritualità…
Ma lo scrittore (di un solo libro) si è circondato di persone inconsistenti e neppure l’incontro con un cardinale (il bravissimo Roberto Herlitzka) può portargli giovamento: infatti, si tratta di persona ugualmente fasulla impegnata a “indottrinare” gli altri con ricette di cucina…

Accanto a Servillo, oltre al già ricordato Herlitzka, vanno menzionati almeno Carlo Verdone, Pamela Villoresi e Galatea Ranzi.
Un film non facile che vale la pena vedere con attenzione.

Commenti

Post più letti durante la settimana

AMLETO ha un nuovo indirizzo

AMLETO ha un nuovo indirizzo: amleto.info Il cambio di url si è reso necessario per motivi indipendenti dalla volontà di chi vi scrive.
Sicuramente tale cambio creerà disguidi di cui, pur non avendo colpa, me ne scuso.
Nessuno degli articoli finora pubblicati, però, è stato cancellato: basta cercarlo con il motore di ricerca interno al blog per vederlo, in pochi secondi, apparire nei risultati.
Segnatevi il nuovo url, allora!

Precipitare nella brutalità

Il Signore delle Mosche di William Golding è un vero capolavoro che, di pagina in pagina, si trasforma in una serie di pugni metaforici ben assestati nello stomaco del lettore.
Un romanzo che si legge con il fiato sospeso e che, per il realismo con il quale è scritto, potrebbe quasi sembrare un documentario che dimostra una delle tesi dello scrittore britannico, Premio Nobel per la Letteratura 1983: «L’uomo produce il male come l’ape produce il miele».
La trama è presto detta: un aereo, con a bordo un gruppo di ragazzini inglesi, precipita su un’isola disabitata in pieno oceano Pacifico.Alcuni passeggeri si salvano.Tra loro ci sono teenager e bambini.Nel gruppo, per un motivo o per l’altro, spiccano: i due leader Ralph e Jack; il riflessivo Piggy; i gemelli Sam ed Eric; lo strambo Simon e pochi altri.
All’inizio il gruppo sembra compatto e accetta di seguire le regole, prese collegialmente, che dovrebbero favorirne il salvataggio.A guidare l’assemblea e i lavori quotidiani viene eletto R…