Passa ai contenuti principali

Frustami e rendimi fertile: è febbraio!



Forse non tutti sanno che...
  1. ... il mese di febbraio, assai probabilmente, prende il suo nome dal februus, ovvero la frusta con cui si purificava. Nello specifico, attraverso le fruste di cuoio di pelle di capro (animale ritenuto assai prolifico), durante i lupercalia si rendevano fertili le persone che venivano percosse da tale frusta.
  2. ... i lupercalia erano le feste in onore del dio Luperco, anche identificato con Fauno, e detto, appunto, Fauno Luperco, durante le quali i luperci (un gruppo di sacerdoti di cui poco si sa), partendo dal Lupercale (la grotta nella quale la Lupa avrebbe allattato Romolo e Remo), percorrevano le pendici del monte Palatino con il duplice scopo di tenere a distanza i lupi (percuotendo con la frusta la terra) e rendere fertili i passanti (percuotendoli con la medesima frusta).
  3. ... durante i lupercalia pare che i nomi delle vergini e quelli dei giovani "lupi" romani venissero messi in due urne per essere estratti a sorte dai due più giovani luperci. In tal modo si creavano a caso delle coppie che avevano un anno di tempo per dimostrare alla comunità la loro fertilità.
  4. ... i lupercalia si svolgevano il 15 febbraio e furono celebrati almeno fino al 496 d.C. anno in cui il papa Gelesio I istituì la festa di San Valentino (da celebrarsi il giorno prima) con la presumibile intenzione di cristianizzare la festa romana, "annacquandola", ovvero facendola passare da una festa per la fertilità a quella più "casta" e "romantica" dell'amore.

Commenti

Post più letti durante la settimana

AMLETO ha un nuovo indirizzo

AMLETO ha un nuovo indirizzo: amleto.info Il cambio di url si è reso necessario per motivi indipendenti dalla volontà di chi vi scrive.
Sicuramente tale cambio creerà disguidi di cui, pur non avendo colpa, me ne scuso.
Nessuno degli articoli finora pubblicati, però, è stato cancellato: basta cercarlo con il motore di ricerca interno al blog per vederlo, in pochi secondi, apparire nei risultati.
Segnatevi il nuovo url, allora!

Precipitare nella brutalità

Il Signore delle Mosche di William Golding è un vero capolavoro che, di pagina in pagina, si trasforma in una serie di pugni metaforici ben assestati nello stomaco del lettore.
Un romanzo che si legge con il fiato sospeso e che, per il realismo con il quale è scritto, potrebbe quasi sembrare un documentario che dimostra una delle tesi dello scrittore britannico, Premio Nobel per la Letteratura 1983: «L’uomo produce il male come l’ape produce il miele».
La trama è presto detta: un aereo, con a bordo un gruppo di ragazzini inglesi, precipita su un’isola disabitata in pieno oceano Pacifico.Alcuni passeggeri si salvano.Tra loro ci sono teenager e bambini.Nel gruppo, per un motivo o per l’altro, spiccano: i due leader Ralph e Jack; il riflessivo Piggy; i gemelli Sam ed Eric; lo strambo Simon e pochi altri.
All’inizio il gruppo sembra compatto e accetta di seguire le regole, prese collegialmente, che dovrebbero favorirne il salvataggio.A guidare l’assemblea e i lavori quotidiani viene eletto R…