Il feroce play di Albee-Lavia

Il sipario chiuso è una alta rete di recinzione. La ribalta è una scogliera sulla quale sono posizionati a destra un letto matrimoniale e a sinistra un mucchio di giocattoli per bambini: quella che si vedrà è la storia di una famiglia letteralmente sul baratro, imprigionata nei propri deliri.
Il sipario/recinzione si alza e il fondale proietta luminarie da quartiere dei divertimenti di una qualsiasi metropoli americana. Entrano in scena Martha e George e sono abbigliati come potrebbero esserlo due danzatori di altri tempi: lui in frac e lei con un abito da sera svolazzante: si tratta di due attori di teatro cui si affiancano altri due attori vestiti in maniera identica (i giovani coniugi Nick e Honey).
Le luminarie si spengono e i quattro restano chiusi in un recinto-discarica che rappresenta la casa dei vecchi coniugi Martha e George. È in questo spazio a metà strada tra il ring e il palcoscenico che si svolge la recita-gioco al massacro che coinvolge indistintamente i quattro personaggi. Personaggi che, di volta in volta, sono il riflesso l’uno dell’altro: se all’inizio le due coppie sono vestite in modo identico, durante lo spettacolo Martha indosserà un vestito di lamé rosso, ma anche una camicia e un paio di pantaloni con tanto di bretelle in tutto uguali a quelli del marito George, il quale via via che il dramma entra nel vivo, indosserà le parrucche smesse da Martha e alcune sue vestaglie da camera. George e Martha si assomigliano e Nick e Honey stanno diventando quello che George e Martha già sono: due coniugi che si odiano, ma che non possono fare a meno l’un dell’altro in quanto sono le due facce della stessa medaglia.
George, Martha, Nick e Honey dovrebbero essere impegnati in una tranquilla conversazione salottiera tra professori universitari e le loro consorti e, invece, danno vita a un feroce play (in inglese indistintamente recita e gioco) dal quale nessuno esce vincitore. 
Il play in questione è il Chi ha paura di Virginia Woolf? di Edward Albee per la bella e originale regia di Gabriele Lavia, stupendamente interpretato da Mariangela Melato (una Martha dura e fragile contemporaneamente; dominatrice e perversamente materna) e dallo stesso Gabriele Lavia (un George che cerca il riscatto e la vittoria sulla moglie, ma ne è soggiogato anche quando riesce a massacrarla), affiancati dagli assai bravi Emiliano Iovine e Agnese Nano. La bella ed espressiva scena è di Carmelo Giammello, i costumi di Andrea Viotti e le musiche di Andrea Nicolini.
Al calar del sipario lunghi e giustamente calorosi applausi per tutti.
Visto al Teatro Strehler di Milano il 14 maggio 2005.

Commenti

Post popolari in questo blog

AMLETO ha un nuovo indirizzo

Un narratore potente

Precipitare nella brutalità