Passa ai contenuti principali

Il Sior Todero Brontolon di Pagni e Monti

Il Sior Todero Brontolon di Carlo Goldoni per la regia di Andrèe Ruth Shammah è uno spettacolo complessivamente ben realizzato, in grado di coinvolgere il pubblico, nonostante la presenza di qualche stonatura da imputare ad una regia che non brilla per originalità, ma si affida, sostanzialmente, alla bravura degli attori e alla solidità del testo goldoniano. 
Non aiutano le scene di Alessandro Camera e i costumi di Chiara Boni che paiono troppo “neutri” e “muti”. 
Venendo, invece, ai punti di forza non si potrà fare a meno di elogiare la compagnia di attori che è compatta, affiatata e padrona dei tempi comici.
Eros Pagni disegna, in modo eccezionale, la figura del vecchio brontolone, puntando a una dizione strascicata e all’uso di un tormentone comico («Son paron mi») che, non solo fotografa il personaggio nella sua avarizia, superbia e rusticità, ma coinvolge in un gioco scenico anche il pubblico che non tralascia di pronunciare il «mi» finale del tormentone in sincrono con l’attore.
Ivana Monti è una bravissima Marcolina, e mantiene sempre toni sobri. Del resto della compagnia vanno, almeno, nominati Paolo Casiraghi (un Meneghetto davvero “compito”), Marta Comerio (una servetta di spirito) e Tommaso Banfi (un Nicoletto “ingenuo” al punto giusto). 
Altro punto di forza è il testo di Goldoni che, pur non essendo un capolavoro, racconta con stile e una forte vena di malinconia le vicissitudini di una famiglia costretta a subire le angherie di un vecchio avaro brontolone che, nel caso specifico dell’episodio al centro della pièce, ha deciso di destinare la propria nipote a Nicoletto, figlio un po’ tonto del proprio fattore, per risparmiare sui soldi della dote che verrebbero, in tal modo, dati solo nominalmente allo sposo, restando, in realtà, in mano sua. A contrastare i piani del vecchio interviene la nuora che, saputo che la propria figlia è innamorata, ricambiata, di Meneghetto, riesce a condurre l’azione verso il prevedibile lieto fine grazie a una serie di stratagemmi.

Commenti

Post più letti durante la settimana

AMLETO ha un nuovo indirizzo

AMLETO ha un nuovo indirizzo: amleto.info Il cambio di url si è reso necessario per motivi indipendenti dalla volontà di chi vi scrive.
Sicuramente tale cambio creerà disguidi di cui, pur non avendo colpa, me ne scuso.
Nessuno degli articoli finora pubblicati, però, è stato cancellato: basta cercarlo con il motore di ricerca interno al blog per vederlo, in pochi secondi, apparire nei risultati.
Segnatevi il nuovo url, allora!

Precipitare nella brutalità

Il Signore delle Mosche di William Golding è un vero capolavoro che, di pagina in pagina, si trasforma in una serie di pugni metaforici ben assestati nello stomaco del lettore.
Un romanzo che si legge con il fiato sospeso e che, per il realismo con il quale è scritto, potrebbe quasi sembrare un documentario che dimostra una delle tesi dello scrittore britannico, Premio Nobel per la Letteratura 1983: «L’uomo produce il male come l’ape produce il miele».
La trama è presto detta: un aereo, con a bordo un gruppo di ragazzini inglesi, precipita su un’isola disabitata in pieno oceano Pacifico.Alcuni passeggeri si salvano.Tra loro ci sono teenager e bambini.Nel gruppo, per un motivo o per l’altro, spiccano: i due leader Ralph e Jack; il riflessivo Piggy; i gemelli Sam ed Eric; lo strambo Simon e pochi altri.
All’inizio il gruppo sembra compatto e accetta di seguire le regole, prese collegialmente, che dovrebbero favorirne il salvataggio.A guidare l’assemblea e i lavori quotidiani viene eletto R…