Passa ai contenuti principali

Libertà bene da difendere

Serata in tono minore ieri al Teatro Donizetti: in scena l’Histoire du Soldat di Igor Stravinskij e Brundibár di Hans Krása. Due operine che si affidano al clima fiabesco per lanciare il messaggio che la libertà è un bene da difendere a tutti i costi e, soprattutto, da non vendere o cedere ad alcun tiranno, sia esso il Diavolo (nel primo caso) o un suonatore di organetto (nel secondo caso).
Se l’Histoire du Soldat di Stravinskij è opera nota, vale la pena spendere due parole su Brundibár di Hans Krása che, invece, è pochissimo nota. 
Si tratta di un’operina per bambini e da questi eseguita. Fu composta e realizzata nel campo di concentramento ceco di Terezín, una specie di “specchietto per le allodole” a beneficio della Croce Rossa Internazionale. In esso, dove pur si moriva per gli stenti, erano concesse dai nazisti alcune “libertà”, come quella delle esibizioni artistiche. 
Questa “concessione” portò alla creazione dell’operina di cui si parla che ottenne un clamoroso successo, tanto da suscitare l’interesse dei nazisti stessi. In essa un gruppo di bambini riesce a sconfiggere il tiranno suonatore di organetto partendo dall’assunto che l’unione fa la forza. Un messaggio del genere risultava essere “rivoluzionario” e profetico in un campo di concentramento nazista. Non fu lasciato risuonare per molto: Auschwitz fu il campo dove il compositore fu trasferito immediatamente dopo la recita Brundibár (l’ultima) offerta dai nazisti agli inviati della Croce Rossa Internazionale. Il “suonatore d’organetto” aveva momentaneamente sconfitto i bambini…

Commenti

Post più letti durante la settimana

AMLETO ha un nuovo indirizzo

AMLETO ha un nuovo indirizzo: amleto.info Il cambio di url si è reso necessario per motivi indipendenti dalla volontà di chi vi scrive.
Sicuramente tale cambio creerà disguidi di cui, pur non avendo colpa, me ne scuso.
Nessuno degli articoli finora pubblicati, però, è stato cancellato: basta cercarlo con il motore di ricerca interno al blog per vederlo, in pochi secondi, apparire nei risultati.
Segnatevi il nuovo url, allora!

Precipitare nella brutalità

Il Signore delle Mosche di William Golding è un vero capolavoro che, di pagina in pagina, si trasforma in una serie di pugni metaforici ben assestati nello stomaco del lettore.
Un romanzo che si legge con il fiato sospeso e che, per il realismo con il quale è scritto, potrebbe quasi sembrare un documentario che dimostra una delle tesi dello scrittore britannico, Premio Nobel per la Letteratura 1983: «L’uomo produce il male come l’ape produce il miele».
La trama è presto detta: un aereo, con a bordo un gruppo di ragazzini inglesi, precipita su un’isola disabitata in pieno oceano Pacifico.Alcuni passeggeri si salvano.Tra loro ci sono teenager e bambini.Nel gruppo, per un motivo o per l’altro, spiccano: i due leader Ralph e Jack; il riflessivo Piggy; i gemelli Sam ed Eric; lo strambo Simon e pochi altri.
All’inizio il gruppo sembra compatto e accetta di seguire le regole, prese collegialmente, che dovrebbero favorirne il salvataggio.A guidare l’assemblea e i lavori quotidiani viene eletto R…